AER Edizioni HomeOrdiniContattiNewsletter 
Ricerca    
CATALOGO
 
fino a 2 anni
3 e oltre
4 e oltre
6 e oltre
14 e oltre
16 e oltre
Narrativa
Saggi
Fuori Catalogo
Cartoleria
Autori
KATALOG
 
Kinderbuch
Literatur
Sachbuch
Kontakt
RIGHTS
 
Foreign Rights
Contact

Erhard Dietl

Gli Olchi vanno a scuola
Ci siamo anche noi 4
Traduzione dal tedesco di Maura Picinich e Giancarlo Mariani
1998
64 pp. - interno illustrato (37 illustrazioni)
brossurato - 13,7 x 20 cm
Euro 8,22
ISBN 9788886557801



 


 

Erhard Dietl

è nato nel 1953 a Regensburg. Dal 1971 al 1981 ha studiato alla Akademie für das Grafische Gewerbe
e alla Kunstakademie di Monaco.

 


 
 


 

Tutto quello che nonno Olchi
ha passato nella giovinezza non è niente in confronto a quello che sanno fare i bimbi Olchi di oggi! Eccoli pronti per un’emozionante avventura, in sella al loro drago reattore Freccia. Non diretti in Australia, come una volta il nonno, ma alla scuola di Sbrindellandia…

 


 
 


 

Arrivano gli Olchi e Gli Olchi vanno a scuola,
scritti e illustrati da Erhard Dietl, sono i primi episodi delle avventure di una famiglia – gli Olchi, appunto – che vive in una discarica di rifiuti. I protagonisti si nutrono di lattine, pneumatici e shampoo e sono sempre circondati da un nugolo di mosche. Sono talmente pigri che trascorrono la maggior parte del tempo a sognare al sole… fintanto che non vengono loro splendide idee…
Walter Fochesato, Andersen XVII, 138, aprile 1998, 39.

 


 
 
Agli Olchi piacciono
la pioggia e il fango e così i loro due bambini, annoiati in un giorno di sole, si avventurano in volo sul drago verde di famiglia fino alla scuola in città dove, inconsapevoli dello scompiglio che creano, si divertono da matti! Testo in grandi caratteri, illustrazioni a colori.
Liber Database, Liber 41, gennaio–marzo 1999, 89.

 
Delle avventure degli Olchi di Erhard Dietl AER ha pubblicato Arrivano gli Olchi e Gli Olchi vanno a scuola.

 

Copyright 2004-2005 Aer Edizioni. All rights reserved.
Created by meta|art, Bozen. Graphics: Art Visuel, Paris. Foto: Isabelle Riz, Milano.