AER Edizioni HomeOrdiniContattiNewsletter 
Ricerca    
CATALOGO
 
fino a 2 anni
3 e oltre
4 e oltre
6 e oltre
14 e oltre
16 e oltre
Narrativa
Saggi
Fuori Catalogo
Cartoleria
Autori
KATALOG
 
Kinderbuch
Literatur
Sachbuch
Kontakt
RIGHTS
 
Foreign Rights
Contact

Galsan Tschinag

Ventun Giorni
Ci siamo anche noi 5
Traduzione dal tedesco di Guido Menestrina
1998
288 pp.
brossurato-13,7 x 20 cm
Euro 15,24
ISBN 9788886557818


Nel 1992 Galsan Tschinag ha vinto il premio letterario Adelbert-von-Chamisso e nel 2001 il Heimito-von-Doderer Preis.


 


 

Galsan Tschinag

- in realt Irgit Schynykbaj-oglu Dshurukawaa - nato nel 1944 nella parte occidentale della Mongolia. sciamano e capo della stirpe nomade dei Tuva. Trascorre gran parte dell'anno nella capitale della Mongolia Ulan Bator, durante i restanti mesi vive da nomade nell'Altai e intraprende viaggi di letture all'estero.

 


 
 

Di Galsan Tschinag AER ha pubblicato Il cielo azzurro e Ventun giorni.

 Un libro appassionante,
ricco di testimonianze su un mondo a noi sconosciuto, eppur riconoscibile nei sentimenti. L'autore, figlio di una famiglia di pastori nomadi tuvini, nato nel nord-ovest della Mongolia, narra gli avvenimenti occorsigli durante una visita ai genitori e, con questo, le abitudini, le usanze e le tradizioni del suo popolo. Durante i ventun giorni estivi trascorsi insieme alla moglie nel villaggio in cui nato, Galsan ritrova figli, amici, parenti e, soprattutto, sensazioni e ricordi.
Ambientato nella regione tuvina, una repubblica autonoma della federazione russa che si estende per 175.000 km2 nella Siberia Centrale, al confine con la Mongolia, il romanzo racconta il ritorno di Galsan Tschinag tra la sua gente. Nonostante i giacimenti di oro, platino e uranio che arricchiscono la loro terra, la popolazione tuvina ancora oggi continua a praticare l'allevamento del bestiame cammelli, jak e renne mantenendo inalterati usi e costume antichissimi. I tuvini infatti sono un popolo nomade, come gli zingari dell'Europa centrale o i pellerossa americani, e il rapporto che li lega alla loro terra e alle tradizioni del passato pi forte di qualsiasi altro richiamo. Galsan ha fatto una scelta diversa, andato a vivere nella capitale, ha studiato ed diventato insegnante in una scuola superiore. Ha lasciato per i suoi due figli coi nonni, in una trib di pastori, ed qui che torna per 21 giorni, condividendo abitudini e rituali e ritrovando i gesti e le parole della sua infanzia. Il suo racconto, cadenzato dai toni epici caratteristici delle narrazioni orali, descrive solenni battesimi e funerali nella steppa, fa prendere parte il lettore alla caccia alla marmotta e alle cerimonie sacre dentro le iurte. Uno per uno, i diversi membri della trib vengono chiamati da Galsan a raccontare la propria storia o le antiche leggende, fino a comporre un ritratto vivissimo di un popolo orgogliosamente attaccato alle proprie radici.
Enrica Guidotti, Andersen XVIII, 147, marzo 1999, 38.

 

Copyright 2004-2005 Aer Edizioni. All rights reserved.
Created by meta|art, Bozen. Graphics: Art Visuel, Paris. Foto: Isabelle Riz, Milano.